You are here: Home Impresa Notizie Soluzione completamente automatizzata per il packaging di blister di pastiglie e confezioni tascabili

Soluzione completamente automatizzata per il packaging di blister di pastiglie e confezioni tascabili

04/01/2021 08:29

Lupin, una delle maggiori case farmaceutiche a livello mondiale, affida ad Ulma Packaging il progetto di una linea flowpack completamente automatizzata per il confezionamento di prodotti farmaceutici (blister singoli e confezioni tascabili).

Si tratta di una linea costituita da un carro d’alimentazione con caricatori automatici per: blister singoli, confezioni tascabili, fogli illustrativi e carta assorbente. Si aggiungono a due telecamere per monitorare il prodotto e la stampa una macchina flowpack orizzontale, modello ARTIC, per il confezionamento multiplo.


Una linea completamente automatizzata, grazie alla quale ULMA Packaging garantisce un confezionamento ad alta produttività, oltre ad un importante risparmio di costi di mano d’opera.

Lupin envase

Prima fase – Caricatori automatici di blister, confezioni tascabili, fogli illustrativi e carta assorbente

La linea è dotata di tre caricatori/disimpilatori automatici (1, 2 e 3) per differenti formati di confezioni tascabili e blister, oltre a 2 dispenser automatici per i fogli illustrativi (4 e 5) ed un dispenser di carta assorbente per il controllo di umidità all’interno della confezione (7).

1. Caricatore automatico di blister singolo
2. Caricatore automatico di blister con formato tascabile da 91 pastiglie
3. Caricatore automatico di blister con formato tascabile da 28 pastiglie
4. Caricatore automatico di fogli illustrativi
5. Caricatore automatico di fogli illustrativi
7. Dispenser di fogli assorbenti

Seconda fase – Monitoraggio del prodotto e scarto

Il codice a barre di uno dei fogli illustrativi viene analizzato grazie all’uso di una telecamera (6), che si occupa di verificare se nel blister è incluso il foglietto illustrativo corretto.

Prima di consegnare l’insieme dei pezzi alla macchina Flow pack, esiste un punto adibito allo scarto (8) che si attiva nel momento in cui viene rilevata la mancanza di qualche elemento essenziale all’interno del raggruppamento. Inoltre, si procede alla verifica della lettura del codice a barre, stampato dal codificatore (9) sul proprio film, attraverso una seconda telecamera (10).

Terza fase – Confezioni multiple

Dopo quest’ultima verifica, il raggruppamento di elementi entra nella confezionatrice (11). In questo caso una macchina Flow pack orizzontale modello ARTIC che è in grado di raggiungere una velocità fino a 120 confezioni al minuto in base al tipo di formato.

A fine linea, sul nastro di uscita, la linea è dotata di un altro punto di scarto (12) per i prodotti che non si adattano alla distribuzione.

Lupin 2

Personalizzazione, flessibilità e attenzione alla clientela

Con lo sviluppo di questa linea, ULMA Packaging dimostra ancora una volta la sua grande attenzione al cliente, mettendo al centro le sue necessità e sviluppando una linea di confezionamento completamente personalizzata e flessibile dotata di tutte le misure di sicurezza richieste dal settore farmaceutico sempre più esigente.